lunedì 21 settembre 2020

Alla ricerca del Principe Dracula - Approfondimento

Buondìì, cari lettori! A distanza di quasi una settimana dalle tre meravigliose storie nate dalla penna di Kerri Maniscalco, sono qui con il secondo approfondimento: oggi facciamo un viaggio in Romania alla scoperta del castello di Bran! 

Ma ora bando alle ciance e partiamo con il post! 






Il castello di Bran...



Il Castello di Bran, dallo stile medievale e gotico, è stato costruito tra il 1377 e il 1388 a strapiombo su un dirupo, all'antico confine tra la Valacchia e la Transilvania. S
i trova in Romania presso il comune di Bran, vicino a Brașov, e sorge ai piedi dei Carpazi.

Esso è uno dei luoghi più famosi della Regione della Transilvania, assai nota per la presenza di roccaforti medievali che popolato la zona. 
La fortezza, circondata dai massicci montuosi Bucegi e Piatra Craiului, è situata a circa 30 km di distanza dalla città di Brasov e si erge su un'altura rocciosa all'entrata del passaggio Rucăr - Bran. 
Grazie alla sua posizione, il castello riesce ad avere ampie vedute sulle colline circostanti, sulla Valle Moeciu e sulla Valle Bârsei. Si raggiunge percorrendo la strada nazionale 73 che collega Braşov a Câmpulung, attraverso il Massiccio Piatra Craiuliu, Parco Nazionale, caratterizzato dalla presenza di alcune specie di flora e fauna autoctona.

E' un importante monumento nazionale rumeno che ha ispirato Bram Stoker per la creazione di "Dracula", uno dei capolavori della letteratura gotica.
Chi non ha mai fatto riferimento a Dracula pensando alla Romania? Credo che tale figura sia presente nell'immaginario di ogni persona.


Viene, infatti, identificato spesso come la dimora di Vlad Tepes, il sanguinario principe il cui personaggio romanzato è stato identificato con il famigerato Conte Dracula. In realtà la vera dimora di V
lad si trovava a Poienari (in Valacchia), dove oggi restano soltanto le rovine delle sue fondamenta. 

Il Castello di Bran, però, è stato preso come modello per idealizzare la dimora di Vlad Tepes. Per tale ragione è nato il malinteso secondo cui a Bran sia vissuto il Conte, anche per il fatto che il romanzo e la storia si intrecciano mischiando leggende e superstizioni con personaggi di fantasia e storie d'effetto.




Come stavamo dicendo, tale luogo ha acquistato una grandissima fama grazie all'autore Bram Stoker: si suppone, infatti, che egli abbia ambientato il suo romanzo gotico "Dracula" in questo luogo, poiché si tratta dell'unico castello rumeno che rispecchia la descrizione di Stoker dal punto di vista architettonico. A tal proposito, dunque, è anche e soprattutto conosciuto come "il castello di Dracula". 

Nel 1897 tale autore ha scelto la Transilvania come ambientazione per "Dracula": il personaggio principale, il Conte Dracula, dimora in un castello vicino ai Carpazi. 
Stoker non ha mai visitato la Romania, ma l'ha descritta come una terra arretrata, disseminata di piccoli villaggi medievali terrorizzati da vampiri che abitavano in castelli gotici. 
E' diventato nel tempo un luogo noto a livello internazionale, sia grazie a questo romanzo sia alla numerose opere derivate.


La storia...

L'origine della fortezza risale al 1211, ossia l'anno in cui Andrea II d'Ungheria ha permesso all'ordine dei Cavalieri Teutonici di erigere una costruzione in legno sul confine tra la Valacchia e la Transilvania, con lo scopo di proteggere il confine sud-est della Transilvania dagli invasori. Il passaggio ha consentito il transito dei mercanti e lo scambio delle merci. Tuttavia la struttura è stata abbandonata nel 1226.
Nei secoli successivi la fortezza è andata incontro a un'espansione, fino a diventare un castello abitato da re, principi e corti.
Nel 1377 Luigi I d'Angiò-Valois ha dato alla popolazione il permesso di costruire a proprie spese una struttura fortificata in pietra che in seguito sarebbe diventata il Castello di Bran. Tale costruzione è proseguita fino al 1388, anno in cui è stato sfruttato dal Regno d'Ungheria come baluardo contro l'espansione dell'Impero Ottomano.
Nel 1448 Vlad III di Valacchia, conosciuto anche come Vlad l'Impalatore per la sua reputazione di uomo sanguinario, si è insediato nel castello. Egli qualche anno dopo ha attaccato la città di Brașov e ha appiccato incendi nei sobborghi. In tale conflitto sono stati uccisi migliaia di Sassoni di Transilvania.
Proprio nell'anno di questo attacco, ovvero il 1459, il castello ha acquisito la sua fama.
Dopo la morte di Vlad III, il castello, ormai in disuso, è stato acquistato dai Sassoni per soli mille fiorini, per poi essere venduto al principe di Transilvania nel 1651 dagli abitati di Brașov.

Nell'800 il castello è diventato una sede amministrativa: ciononostante, dal 1888 il castello è stato completamente disabitato, fino al 1920, quando è diventato una residenza reale estiva dei sovrani del Regno di Romania (fino al 1932).
Nel 1948 Ileana di Romania, Antonio d'Asburgo-Lorena e tutta la famiglia reale rumena sono stati esiliati dal governo comunista. Il castello, occupato dalla servitù, è stato nazionalizzato dal regime e è diventato un museo. Dal 1987 al 1993 sono stati eseguiti dei lavori di ristrutturazione.
Il 1 giugno 2009, dopo svariati anni di trattative,  è stata restituita alla famiglia reale l'intera proprietà dalle autorità rumene come parte dell'eredità materna.

Oggi il castello è la sede di un museo dedicato alla storia della Transilvania e alle collezioni della famiglia reale. E' un luogo tuttora molto visitato ed è una delle attrazioni più famose della Romania.
A causa dell'insediamento del regime comunista, la famiglia reale è stata esiliata dalla Romania nel 1948. Il castello, da allora, è stato trasformato in un museo articolato in più sezioni:

  • Il castello: il quale conteneva gli arredi antichi, le armi e le armature collezionate della famiglia reale;

  • Le stanze adibite agli abiti medievali;

  • Il museo etnografico: le case tradizionali visitabili nel parco ai piedi del castello.



E voi, cari lettori, avete mai visitato questo luogo o avete il desiderio di andarci almeno una volta nella vita? Dovete sapere che, visitando il castello, è possibile passeggiare per angusti corridoi alla scoperta delle sue stanze: gli arredi risalenti al Medioevo consentono di far viaggiare indietro nel tempo, fino ai tempi remoti in cui esso era ancora abitato.
Le stanze che più colpiscono il visitatore sono quella dedicata alla leggenda di Vlad L'Impalatore e quella degli strumenti di tortura usati per vessare i prigionieri e le vittime, prima che fossero trascinati nel cortile centrale del castello, luogo in cui erano poi sottoposti a un processo.

Potete immaginare che si tratti, nel complesso, di un castello inquietante, capace di far rabbrividire i visitatori che hanno il coraggio di immergersi nella sua storia e nelle leggende che lo circondano.

Ciononostante, non possiamo negare che questa ambientazione sappia esercitare il proprio fascino su di noi! Saranno le vibes di Halloween che si sta avvicinando, ma mi piacerebbe tantissimo poter partire e visitare la famigerata dimora del Conte Dracula: un'ambientazione che personalmente mi ha fatto amare ancora di più la storia nata dalla penna di Kerri Maniscalco. 
Come forse sapete se mi seguite, sebbene io abbia amato tutti e tre i volumi, ho dato un voto leggermente più alto al secondo. La Romania mi ha rubato un pezzetto di cuore e mi ha conquistata fin dall'inizio!




Anche per oggi è tutto!
Fatemi sapere cosa ne pensate di questo luogo inquietante ed affascinante nel medesimo tempo!
Ma soprattutto fatemi sapere se state leggendo questa meravigliosa serie!
Alla prossima!

14 commenti:

  1. Ciao Sara! Oggi siamo già ad Halloween con questo post... Non conoscevo la storia vera del castello di "Dracula", anche perché il primo film che mi è venuto in mente leggendo il tuo post è Hotel Transylvania... perché io sono un'amante degli horror, of course :-) Nonostante tutto, credo che sarei curiosa di vedere il luogo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia! Pian piano ci avviciniamo sempre di più ad Halloween e questa serie secondo me è perfetta per quel periodo!
      Anche io non amo l'horror (quello super pauroso), ma mi piacerebbe tantissimo poter visitare questo luogo! :)

      Elimina
  2. Però Vlad l'impalatore c'è stato nel castello, quindi per me è il castello del conte Dracula! Sarebbe bello un giorno andarlo a vedere *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo! Esatto, sarà sempre il Castello del Conte Dracula! 😂

      Elimina
  3. Io non l'ho mai visto, in compenso ho notizie dirette da un amico che si trovava in zona per motivi di lavoro e l'ha visitato in pieno inverno con un cicerone del luogo. Le sue descrizioni, tra neve, gelo e freddo, hanno riempito le nostre giornate con discorsi divertenti e allo stesso tempo culturali. è un sito da vedere ma, secondo me, non nel periodo invernale. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Magari in autunno nel periodo di Halloween! :)

      Elimina
  4. che bell'approfondimento, Sara!! Dracula è un personaggio di fantasia misterioso ed è interessante soffermarsi su ciò che c'è dietro il libro, compreso il castello!
    Non ti nascondo che mi piacerebbe visitarlo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela! Ma ti ringrazio! :)
      Dracula mi affascina tantissimo come personaggio, quindi non potevo non approfondire il castello!

      Elimina
  5. Bellissimo questo approfondimento. Non vedo l'ora di iniziare a leggere questi libri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bea! Grazie! :)
      Quando li leggerai voglio assolutamente sapere le tue opinioni!

      Elimina
  6. Mi è capitato di vedere dei video sul castello e mi incuriosisce parecchio, anche se non ho mai pensato di organizzare un viaggio per, tra le altre cose, vederlo. So, per altro, che non è nemmeno così facile arrivarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ludo! Ammetto di non essermi informata sul come arrivare al castello! Però sarebbe una bella esperienza! :)

      Elimina
  7. Veramente molto interessante, grazie! Nel libro le atmosfere per me sono state strepitose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Ti ringrazio! Anche io ho amato le atmosfere! :)

      Elimina