martedì 6 ottobre 2020

Review Party "La gita del terrore"


Buondìì
, cari lettori! Sono sopravvissuta al primo giorno di lezioni per questo nuovo anno accademico e devo ammetterlo: non sono nemmeno troppo stanca! 
Infatti sono qui con voi, carica, per parlarvi di una lettura da brivido che ho adorato!
Andiamo a scoprire insieme di cosa si tratta?




Ollie ha undici anni, e da quando la sua geniale e avventurosa mamma non c'è più, si sente sempre un po' fuori posto nel mondo. Il suo unico rifugio è la lettura. Così, quando vede una sconosciuta che sta per gettare un piccolo libro nero nel torrente, d'impulso decide di salvarlo: glielo ruba e scappa via. In una notte di pioggia e vento inizia a leggere l'inquietante storia di un patto d'amore maledetto racchiusa tra le pagine del misterioso libriccino. Il giorno dopo scopre che la meta della gita di classe è proprio la fattoria della storia, un luogo che esiste davvero e che rivelerà un passato di misteri e sparizioni inspiegabili. Durante il viaggio di ritorno dalla fattoria il pullmino sul quale viaggiano Ollie e i suoi compagni si ferma... Mentre cala il buio e si alza una strana nebbia, sull'orologio rotto di Ollie, un ricordo della mamma, compaiono un conto alla rovescia e un messaggio inequivocabile: VIA!
C'è sempre una qualche storia di fantasmi. Che ci piaccia a no. Ovunque tu vada in questo enorme, terribile mondo meraviglioso troverai sempre una storia di fantasmi ad aspettarti.
A volte inventata, a volte no.

★★★★



Cari lettori, oggi inauguriamo le settimane precedenti ad Halloween con un meraviglioso evento a tema. Forse non lo sapete, ma ho un amore incondizionato per le letture fatte al momento giusto. Posso, dunque, lasciarmi sfuggire l’occasione di recuperare libri a tema Halloween? 
La gita del terrore” è una storia ambientata a ottobre, in pieno periodo autunnale. Ma non è solo questo elemento a renderla una lettura perfetta per il periodo: si tratta di una lettura da brivido… con un pizzico di inquietudine e di oscurità che non fa mai male in vista di Halloween! 

Ollie è la protagonista di questa storia per ragazzi targata Mondadori. Da quando è venuta a mancare la sua mamma, a lei non interessa più instaurare delle relazioni: ciò che vorrebbe è immergersi tutto il tempo nei suoi amati libri, con la speranza che, una volta chiusi, si possa svegliare da questo incubo e che ritorni tutto alla normalità.
Un giorno, durante un giro nei pressi del fiume, nota un fatto strano: una donna sta cercando di liberarsi di un libricino nero. Come mai sta facendo di tutto per buttarlo via? Non si può buttare un libro in questo modo!
Nonostante i tentativi di resistenza della donna, Ollie riesce a recuperarlo e a scappare portando con sé tale oggetto. Nessun lettore in fondo si lascerebbe sfuggire l’occasione di immergersi in una nuova avventura! Inizia così a leggere delle avventure della famiglia Webster, provando curiosità per tutte le vicende strane che la interessano.
Ma cosa succede quando scopre che si tratta di una storia reale e di una famiglia più vicina a lei di quanto creda? Cosa succede durante la gita scolastica ad una fattoria in cui la sua classe si deve recare?
Ollie, in compagnia di due nuovi amici, si trova ad affrontare qualcosa di più grande di lei. Ogni luogo è interessato da storie sui fantasmi. E Ollie ha bisogno di una grande forza di volontà e di un aiuto esterno per affrontare i fantasmi e gli spaventapasseri… ma anche per far venire allo scoperto i suoi scheletri nell’armadio! 


“Coco non piangeva perché era debole, piangeva perché provava qualcosa. Ollie invece non piangeva perché non provava nulla, non più, non per davvero. Non voleva provare più nulla.”


Appena ho letto la trama di questo libro, in uscita proprio oggi, ho avuto gli occhi a cuoricino. Ho un debole per questo genere di storie: non rifiuterò mai di leggere i libri per ragazzi dalle tinte più oscure. Ollie, in compagnia di Coco e Brian, mi hanno fatto vivere un’avventura intrigante, da brivido e allo stesso tempo educativa e significativa. Dietro le righe si celano messaggi profondi legati a tematiche delicate, come la perdita di un genitore e la difficoltà di andare avanti con un dolore così grande che ti opprime. Ollie si è chiusa a riccio, rinnega le relazioni umane e vorrebbe soltanto trovare una via di fuga da questo mondo così ingiusto. Nel corso della storia, però, assistiamo a una grande crescita: impara a voltare pagina e realizza che sua mamma non se ne andrà mai, non finché lei riuscirà a sentirla vicino a sé, nel proprio cuore… e anche nel suo orologio rotto!
Gradualmente matura la consapevolezza dell’importanza di avere qualcuno al proprio fianco, nel bene o nel male. Qualcuno in grado di darti una mano e non lasciarti mai cadere.
E’ una storia che mostra le difficoltà della vita, ma anche i lati positivi che inevitabilmente e fortunatamente esistono. 


“Era stata una giornata perfetta. Ma quando la mamma era andata a dare la buonanotte a Ollie, l’aveva trovata in lacrime. «Olivia, che succede? » le aveva chiesto. «Ti fa male la pancia? ». Lei aveva scosso la testa. «No» aveva risposto. «Sono triste per l’albero, quello dove abbiamo trovato il fungo. Non è giusto che ci abbia regalato un fungo così buono e ora stia morendo» aveva spiegato nascondendo il viso nel cuscino. A quei tempi piangeva ancora per cose stupide come un olmo.

La mamma aveva detto, con un sospiro: «No, non è giusto. Ma l’olmo ci ha fatto un dono. Anche le cose brutte possono portare qualcosa di buono. Pensa a questo quando sei triste, forse ti sentirai meglio».”


Non ho potuto far altro che amare l’ambientazione: per tutta la lettura ho avuto la sensazione che la fattoria fosse il luogo perfetto per una storia spaventosa. 
Mi è sembrato di percepire l’atmosfera autunnale: il campo di grano con i suoi mille spaventapasseri dalle espressioni inquietanti diventa il centro di una corsa contro il tempo verso la salvezza e, a parer mio, verso una crescita personale. La gita scolastica si trasforma in un incubo a partire dal momento in cui il loro pullman si ferma misteriosamente in un luogo isolato e senza alcuna possibilità di comunicare con altre persone. Da quell'istante si viene a creare una situazione di pericolo che, inevitabilmente, porta con sé dei cambiamenti. Ollie, Coco e Brian si trovano a fare i conti con spaventapasseri che prendono vita e che sono intenzionati a farli diventare come loro e anche a districarsi tra le vie di un vero e proprio labirinto. Ma la salvezza risiede nei Piccoli Spazi… ed è proprio questo il titolo del libretto nero che Ollie recupera al fiume! Ho amato profondamente l'idea dei Piccoli Spazi, è un elemento originale e che riesce a catturare l'attenzione del lettore. Io ho avuto il desiderio di scoprire qualche dettaglio in più! 

In conclusione “La gita del terrore” è una storia che si lascia leggere in un batter d’occhio, scritta con uno stile fresco, scorrevole e intrigante e con una trama da brivido che ti costringe a non staccare gli occhi dalle pagine.
Ringrazio tantissimo la Mondadori per la copia digitale e Sara per aver organizzato l’evento. Affrontare questa gita scolastica è stato il modo migliore per inaugurare un periodo pieno di letture di questo tipo… e ho già in mente altri titoli di cui parlarvi!



Ma per oggi è tutto!
Fatemi sapere nei commenti cosa ne pensate di questa storia e… alla prossima!

12 commenti:

  1. Ciao Sara! I libri poco impegnativi sono sempre ben accetti, riescono a spezzare tra una lettura impegnativa e l'altra.
    Mi hai molto incuriosita su questo libro. 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Diletta! E' stata una lettura davvero bella per me! Fammi sapere se lo leggerai! :)

      Elimina
  2. Mi hai convinta! Se prima ero solo curiosa adesso finisce dritto in wishlist. **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nym! Sono contenta che ti ispiri! Non vedo l'ora di sapere le tue opinioni! :)

      Elimina
  3. Il libro ideale per questo periodo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Assolutamente, una lettura perfetta da leggere prima di Halloween! :)

      Elimina
  4. Speriamo arrivino presto i seguiti. E' un ottimo libro per ragazzi.
    Grazie per aver partecipato! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara! Grazie a te per avermi permesso di partecipare! Lo spero tantissimo, sono sicura che saranno altrettanto belli! :)

      Elimina
  5. Effettivamente ha una trama molto intrigante. Si sposa anche bene con il periodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ludo! E' una lettura a dir poco perfetta per il periodo! :)

      Elimina
  6. Aaawww mi sono persa la recensione, ma ho recuperato** lo leggerò sicuramente! Ero davvero alla ricerca di un po'di brivido prima di Halloween 🎃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Se lo leggerai, sono curiosissima di sapere il tuo parere! :)

      Elimina